Terza edizione Collettiva TERRE DI PUGLIA

Pubblicato il 19/09/2018

La riproducibilità della tecnica ha determinato la mercificazione dell’arte a basso costo per soddisfare le richieste della società di massa. Le conseguenze si sono riversate sugli artisti, quelli che sono consapevoli d’essere principalmente artigiani.

In più l’astrattismo e il concettuale hanno creato l’illusione del lavoro artistico improvvisato, che non necessita di studio e ricerca.

Eppure ci sono squarci di luce che passano come feritoie nella notte della società consumistica. E’ il caso dell’associazione “I colori dell’anima”, guidata dal maestro Filippo Cacace e sita a Molfetta, che riprende ancora le antiche tecniche rinascimentali. Qui s’impara un principio fondamentale: solo dietro un lavoro durissimo e quotidiano, nel quale l’artista-artigiano è in grado di usare con sapienza materiali, strumenti, conoscenza, capacità ed esperienza, si può creare un’opera in grado di offrire un’emozione estetica che trascende la realtà.

Partendo da questo assunto l’associazione organizza ogni anno una grande esposizione presso la Sala dei Templari di Molfetta. La terza edizione, intitolata TERRE DI PUGLIA, verrà inaugurata il 6 ottobre alle ore 19,00 presso la Sala dei Templari e sarà visitabile fino a domenica 21 ottobre. Saranno previste molte novità, tra cui l’adesione di artisti provenienti da tutta la Puglia: Bari, Martina Franca, Trani, Andria, Corato, Gioia del Colle. Dice, a tal proposito, uno dei curatori della mostra, Giovanni Capurso: “l’arte vera è in grado di combattere la mentalità utilitaristica del nostro tempo in quanto è una delle grandi espressioni dello spirito umano.” Per questo decidere di acquistare una delle opere in mostra significherebbe compiere un atto che non si allinea alla mentalità dominante del nostro tempo.


Pubblicato da La Redazione

Aggiungi un commento


Aiutaci a sapere se sei un essere umano o un robot.
Per questioni di sicurezza informatica, digita nel campo "codice di sicurezza" il codice alfanumerico che leggi nell'immagine qui sotto.

captcha codice

Archivio storico