La mostra su "Le grazie e le virtù dell'acqua"

Eventi    09/03/2015

389 Commenti

Se qualcuno sarà informato del fatto che l'Acquedotto Pugliese è il più grande acquedotto d'Europa, magari non ha presente che quest'anno cade il centenario della colossale struttura. Per le celebrazioni per la ricorrenza, l'arte avrà un ruolo centrale: specificatamente con la mostra Le grazie e le virtù dell'acqua, dedicata all'opera di Duilio Cambellotti. Ma perchè proprio il grande protagonista dell'Art Nouveau, artista eminentemente romano? Perchè proprio lui fu incaricato nel 1931 della decorazione e dell'arredo dell'intero complesso del Palazzo dell'Acquedotto Pugliese di Bari, che infatti ospita la mostra dal 27 febbraio al 14 giugno.

Oltre centoventi le opere in mostra fra dipinti, disegni, illustrazioni, sculture in bronzo come la monumentale Fonte della Palude, ceramiche, terrecotte, vetrate, mobili, e poi quaranta bozzetti preparatori eseguiti proprio per il Palazzo dell'Acquedotto. In un susseguirsi di argomenti dedicati: la spiga e l'ulivo, le mille e una notte, il mondo della natura, la grazia delle donne, le virtù dell'acqua, gli stili e gli arredi. A far da scenografia, le decorazioni parietali elaborate negli ambienti di lavoro e negli appartamenti privati dell'edifico, dove Cambellotti riprende antichi temi a lui congeniali come le fontane, il lavoro femminile, i cavalli che si dissetano alle fonti, inventando ardite sintesi tra il romanico pugliese e il déco.

Approfondisci

Archivio storico